Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 30 giugno 2011

GIANLUCA FERRARIS - Gioco Sporco


Mai libro è stato attuale come questo "Gioco Sporco" firmato da Gianluca Ferraris, giornalista del noto giornale Panorama. In un mondo come quello dello sport e soprattutto quello del calcio, tempestato da scandali vari, l'autore del libro cerca di penetrare attraverso un romanzio intrispettivo, che però ci aiuta a comprendere meglio fatti che in questo preciso momento sono di vibrante attualità. Ferraris è subito chiaro introducendo il libro, narra una storia accaduta davvero, mutando però luoghi e personaggi. Anche questo è un aspetto che induce a compiere delle riflessioni del tutto personali, che però possono andare ad ampio raggio. "Gioco Sporco" narra di due due clan, uno campano e uno calabrese, che combattono la loro battaglia quotidiana. Una lotta che nel contempo diventa una disfida per il potere ed anche nel complesso per la sopravvivenza. Come sfondo alla storia, c'è un'Italia dove gioco d'azzardo, delle scommesse di ogni genere, come ad esempio l'ippica e le slot machine, sono diventate il crocevia di affari che fanno girare miliardi di euro. C'è però il lassismo di uno Stato che non s'impegna per combattere questo fenomeno senza un motivo preciso, forse per convenienza , ma c'è anche il sogno disperato di milioni e milioni di persone che non hanno altro in cui credere e forse sperare, per avere una vita migliore, o per magari colmare quelle lacune lascia via via nel corso di una vita intera. Si apre quindi una zona grigia, indefinibile, nel quale proliferano guadagni illeciti, il consenso sociale e l'omertà, un qualcosa che accade nel Sud d'Italia come anche in quel di Milano, che a conti fatti resta sempre il Sud dell'Europa. "Gioco sporco" è certamente un romanzo verità, che noi definiamo il "Gomorra" dello Sport al pari di quelle di Saviano in un certo senso. Un libro che attinge molto dai casi di cronaca accaduti negli ultimi anni. Siamo di fronte ad un viaggio brutale, un viaggio incalzante nel mondo della criminalità organizzata. E' un'analisi senza sconti su cui riflettere, anche per comprendere un fenomeno al momento tutto italiano, ma non è detto che anche all'estero possa prima o poi accadere qualcosa di simile.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento